teatro

Nella terza annualità di Scuola Viva, relativamente al laboratorio teatrale, si realizzeranno uno spot pubblicitario nella secondaria e un video di una drammatizzazione nella primaria, entrambi centrati sulla tematica di fondo: la commercializzazione della lana.. L’intento è: migliorare e potenziare la capacità comunicativa dell’attività teatrale/ promuovere sperimentazioni di nuove forme di creatività come il filmato scenico e la conoscenza dei codici comunicativi( linguistici/tecnico-scientifici/ grafico/ musicale/gestuale ).La finalità dell’attività teatrale è prioritariamente quella di contrastare la dispersione scolastica favorendo negli allievi la conoscenza di sé e degli altri; il superamento, attraverso la recitazione, di insicurezze ed ansie, il miglioramento dei rapporti interpersonali; il potenziamento di tecniche di comunicazione; potenziare il senso di responsabilità e l'impegno; superare le difficoltà nel confronto con gli altri e cominciare a costruire una coscienza critica

 

Obiettivi specifici

1) Sviluppare abilità espressive di tipo gestuale e verbale;

2) Imparare a cogliere l’universalità di alcuni messaggi valoriali;

3) Acquisire le tecniche di costruzione di un copione teatrale;

4) Realizzare un copione partendo dalla rielaborazione dell’evento che è il filo conduttore del progetto.

 

Destinatari

n. 20 della Scuola primaria - gruppi di alunni delle V

n. 20 della Scuola secondaria - gruppi di alunni delle classi II/III

 

Motivazioni di coinvolgimento

L’attività recitativa, sia nella forma teatrale che in quella filmica, ha un’enorme valenza: è mezzo di aggregazione e di gioco e risulta terapeutica per molti disagi riuscendo ad avvicinare proprio quei ragazzi con maggiore fragilità sociale. Pertanto è inclusiva, altamente educativa e formativa. Un mezzo, tra i più idonei, per stimolare in modo interdisciplinare lo sviluppo delle facoltà cognitive e creative dell’individuo. Un mezzo per i ragazzi che non amano l’impegno scolastico formalizzato che possono essere attratti da linguaggi alternativi. Ma l’attività prevista va oltre: i ragazzi guarderanno alla recitazione da altri punti di vista: comprenderanno che è fonte di creatività, ma anche di lavoro futuro in ruoli diversi: da regista a sceneggiatore, a tecnico di cortometraggi, di lungometraggi, a scenografo…Un mondo di opportunità future.

 

Fasi realizzative

Il modulo si articola in n. 3 fasi:

1) Ideazione e produzione del copione.

2) Individuazione dei ruoli

3) Preparazione del cortometraggio